news
PSR: UN PIANO CHE LIMITA L’AGRICOLTURA PIEMONTESE
28.01.2016

PSR: UN PIANO CHE LIMITA L’AGRICOLTURA PIEMONTESE

Torino, 28 gennaio 2016

 

CONFERENZA STAMPA

 

PSR: UN PIANO CHE LIMITA L’AGRICOLTURA PIEMONTESE

 

Difficoltà tecniche e burocratiche impediscono alle aziende di sfruttare i contributi del Programma di Sviluppo Rurale per essere maggiormente competitive. Coscia (Confagricoltura Piemonte): “Occorre ridefinire i criteri e aprire un nuovo bando”

 

La Regione Piemonte ha attivato i primi bandi del nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 il 23 dicembre scorso. L'impostazione adottata sta facendo registrare una serie di criticità, creando difficoltà alle imprese agricole piemontesi, sia per le complicazioni burocratiche, sia perché le misure attivate limitano fortemente lo sviluppo delle aziende.

 

Confagricoltura Piemonte stamane ha fatto il punto della situazione con il presidente regionale Gian Paolo Coscia, il direttore Giovanni Demichelis, insieme ai presidenti e direttori delle sedi provinciali dell’organizzazione professionale.

Il Piemonte ha presentato il documento alla Commissione Europea con molto ritardo ed è arrivato alla definizione dei primi bandi a fine dicembre, aprendo le domande senza delineare precisi obiettivi e con un sistema informatico non funzionante. Ad un mese dall’apertura i problemi del programma informatico non sono ancora del tutto risolti e i criteri di selezione ancora incompleti: soltanto una decina di domande, su circa 1100 presentate in bozza, sono state caricate dal sistema.

 

Al di là delle questioni tecniche, il PSR del Piemonte (del valore di oltre 1 miliardo per tutta la durata) penalizza le aziende con maggiore capacità competitiva, poiché queste, in base ai parametri delineati dalla Regione, non riescono ad accedere ai contributi. In tal modo le imprese che hanno forze per investire vengono penalizzate a scapito di realtà che faticheranno comunque a trovare la strada per accrescere la loro competitività.

La maggior parte delle aziende (solide e vitali) vitivinicole e ortofrutticole delle nostre colline finirà così agli ultimi posti nelle graduatorie, con buona possibilità di essere esclusa dai finanziamenti. Lo stesso discorso vale per gli allevamenti suinicoli, avicoli, per le stalle attrezzate di bovini da carne e da latte, per le aziende cerealicole di medie dimensioni. 

 

A fronte di questa situazione, Confagricoltura chiede alla Regione la tempestiva ridefinizione dei criteri di selezione e la riapertura di un nuovo bando per rispondere alle attese delle aziende agricole del Piemonte. Occorre evitare di restituire all’Europa centinaia di migliaia di euro, come avvenuto con la passata programmazione, a scapito dello sviluppo del settore primario nazionale.